Rifondazione Comunista venerdì 11 aprile in piazza con i precari della scuola


Pubblicato il 10 apr 2014

di Giovanna Capelli e Paolo Ferrero – La ministra Giannini prosegue l’opera di demolizione della scuola pubblica in perfetta continuità con i governi precedenti ed è particolarmente impegnata ad assicurare sostegno economico sempre più consistente alle scuole private. La  scuola della repubblica è sfinita da tagli feroci,impoverita nella didattica da controriforme continue Oggi si minaccia  la drastica riduzione di insegnamenti fondamentali prevista dalla “sperimentazione” della riduzione a quattro anni dei licei.
La Corte di giustizia europea si appresta a sanzionare per l’ennesima volta il trattamento illegittimo riservato ai precari dall’amministrazione scolastica,ma la ministra dichiara la sua contrarietà all’unica operazione di buon senso, peraltro a costo zero: l’assunzione dei precari su tutti i posti vacanti, gli stessi posti che ogni anno scolastico sono costretti ad occupare da precari per garantire, sulla loro pelle, il funzionamento del sistema scolastico.
L’unica risposta possibile è la lotta! Bene hanno fatto i precari ad indire una manifestazione con sciopero per il prossimo 11 aprile. Rifondazione comunista sarà al loro fianco insieme con i tanti che scenderanno in piazza per difendere la scuola pubblica e i diritti di chi ci studia e di chi ci lavora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *