Lavoro e articolo 18: opponiamoci alla barbarie di Renzi! Volantino PRC


Pubblicato il 25 set 2014

di Roberta Fantozzi – Lavoro e articolo 18: Opponiamoci alla barbarie di renzi!

 Il primo atto del governo Renzi sul lavoro è stato il decreto che generalizza la precarietà. Quel decreto prevede che ogni impresa possa assumere a termine per tre anni, anche con più contratti dalla durata brevssima, senza “causale” cioè senza dover giustificare perché il contratto è a termine e non a tempo indeterminato. Al termine dei 3 anni ad ogni impresa sarà sufficiente non rinnovare il contratto, assumere un’altra persona e ricominciare il giro! Tutti precari per sempre.

Il governo Renzi ora vuole:

1. Cancellare definitivamente l’articolo 18 – già manomesso gravemente dalla controriforma Fornero e Monti – per sancire che per tre anni i neoassunti se illegittimamente licenziati, non abbiamo diritto alla reintegra ma solo ad una “mancia”.

2. Cancellare le norme dello Statuto dei Lavoratori che proibiscono la videosorveglianza dei lavoratori.

3. Cancellare le norme dello Statuto dei Lavoratori che impediscono il demansionamento.

4. Generalizzare i “voucher” ( i buoni acquistabili anche dal tabaccaio con cui pagare i lavoratori)  cioè la forma massima di lavoro “usa e getta”, oggi circoscritta a casi eccezionali.

5. Peggiorare ulteriormente gli ammortizzatori sociali, prevedendo oltre alla fine della mobilità contenuta nella controriforma Fornero, anche la fine della cassa per chiusura aziendale, della cassa in deroga, e rivedendo i tempi della cassa ordinaria, straordinaria e dell’Aspi.

6. Rivedere le sanzioni amministrative per le violazioni delle norme in materia di protezione del lavoro, favorendo le misure “premiali”, cioè incentivare il fatto che non importa essere in regola prima, basta mettersi in regola dopo, se per caso un Ispettore del Lavoro scopre un illecito, perché tanto non ci saranno sanzioni.

 

Renzi non costruisce la soluzione alla disoccupazione. Sono anni che si riducono i diritti in nome del fatto che si sarebbero creati nuovi posti di lavoro. Ma i disoccupati sono raddoppiati.

Renzi non costruisce la soluzione alla crisi, la peggiora: con le sue controriforme i lavoratori saranno totalmente sotto ricatto ed il lavoro povero sarà la regola. Ma la crisi nasce proprio dall’impoverimento del mondo del lavoro.

 

Renzi porta solo a compimento il lavoro sporco di Berlusconi e Monti, dell’Europa della Merkel e Draghi: lavoratrici e lavoratori ridotti a pura merce da sfruttare e gettar via, senza diritti nè dignità.

 

Difendiamo le nostre vite, mandiamolo a casa!

Partecipiamo alla manifestazione della Cgil e della Fiom il 25 ottobre!

Battiamoci per l’Altra Europa e L’Altra Italia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *